chi siamo link contatti
Associazione Stampa Parlamentare
Lunedì 03 Luglio 2017

124 ANNI DI STORIA DEL 'VENTAGLIO' DA ZANARDELLI AD OGGI.

 

 Alle origini del “Ventaglio” (di Antonella Pagliarulo di “Regesta-Exe”)

“È l’ultima seduta, il caldo infuria. I deputati sbuffano come piroscafi e si fanno fresco con ventagli come signore. Il presidente Zanardelli ha ricevuto dai giornalisti un ventaglio d’onore. Il grande lucernaio, infiammato dal sole, pare il grande coperchio della caldaia delle streghe di Macbeth”: l’Illustrazione Italiana racconta, nel luglio 1893, la nascita della tradizione del Ventaglio donato dai cronisti della stampa parlamentare all’allora Presidente della Camera Giuseppe Zanardelli. In giorni di afa opprimente, riferiva La Nazione, il Presidente aveva sopportato la fatica di lunghe discussioni sulla legge bancaria e, scherzando, apostrofato così i giornalisti della tribuna della stampa: “Voi altri avete almeno un ventaglio che io vedo costantemente agitare!” . Tutti i corrispondenti e rappresentanti di giornali presenti in tribuna fecero dono allora al Presidente di un “modesto ventaglietto di carta” sul quale avevano apposto le loro firme.

 

         La storia della cerimonia del Ventaglio – che prevede ogni anno, alla vigilia della chiusura estiva dei lavori parlamentari, l’incontro tra il Presidente, l’Ufficio di Presidenza della Camera e la stampa parlamentare e che, con il tempo, si è estesa al Presidente del Senato e al Presidente della Repubblica – è l’oggetto di un’agile pubblicazione – Il ventaglio (1893-1993). Opuscolo illustrativo dedicato ai cento anni – disponibile in pdf sul sito dell’archivio storico della Camera dei deputati. La calura estiva romana, una bollente aula parlamentare in ferro, legno e zinco, una lunga discussione sulla legge bancaria: sono questi gli ingredienti all’origine della cerimonia del Ventaglio che nasce nel luglio 1893 con il dono all’affaticato Presidente Zanardelli del primo Ventaglio da parte della stampa parlamentare.

         

          Per tornare al nostro racconto e all’afa opprimente del luglio 1893 è sempre la Camera a fornirci ulteriori elementi per una cronaca del tempo con la pubblicazione, nel percorso dedicato al Palazzo di Montecitorio, delle immagini dell’aula in cui si svolgevano lavori e dibattiti parlamentari: costruita all’indomani della proclamazione di Roma capitale in ferro e legno, coperta in zinco, l’aula, progettata dall’ingegner Comotto, produceva calore asfissiante d’estate e freddo intenso d’inverno. Da qui l’invidia di Zanardelli – sia detto per inciso oltre che avvocato anche giornalista! – per i ventagli agitati in tribuna… Nei tre percorsi del portale – Stampa e dipinti del Palazzo di Montecitorio, Foto del Palazzo, L’ampliamento del Palazzo, – si può seguire tutta la storia degli interventi di modifica e ampliamento di Montecitorio…    

 

 

        L'archivio fotografico conserva inoltre 55 servizi sulle cerimonie di consegna del Ventaglio ai Presidenti della Camera, dal 1957 al 2007. Ma il caldo “manda in licenza” anche i senatori: così commenta un cinegiornale della Incom introducendo, nel luglio 1959, la consegna del ventaglio firmato dai cronisti parlamentari al presidente del Senato Cesare Merzagora. Lo speaker ricorda ai politici il ruolo di quarto potere svolto dall’informazione, le immagini (dell’Archivio Luce, disponibili su youtube) ritraggono tra gli altri il senatore Giuseppe Medici, Umberto Tupini e, per i giornalisti, il dirigente della stampa parlamentare, dell’associazione della stampa romana e della commissione unica per l’albo dei giornalisti, Regdo Scodro. Nella sezione di Bibliografia del Parlamento sono elencati 13 articoli di carattere istituzionale scritti dal cronista – da Responsabilità della stampa parlamentare a Studi parlamentari e cultura politica da Sveltire la discussione dei bilanci a Parlamento e sindacato – mentre negli Atti parlamentari – Seduta del 14 aprile 1964 – la commemorazione in aula di Scodro scomparso prematuramente si traduce un vero e proprio omaggio alla stampa parlamentare da parte del mondo politico.