chi siamo link contatti
Associazione Stampa Parlamentare
Giovedì 14 Dicembre 2017

BOLDRINI: EVITARE ELEZIONI AL VELENO

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - La lotta alla diseguaglianza, il lavoro, soprattutto quello per i giovani e per le donne, differenza di genere e violenza sulle donne, l'ambiente e l'Europa, l'antifascismo e la deriva della disinformazione che corre sulla rete. La presidente della Camera, Laura Boldrini, non scioglie ancora le riserve su quello che sara' il suo futuro in politica ma il bilancio su quelle che sono state le sue battaglie durante il suo mandato come terza carica dello Stato sembra gia' un 'manifesto' del suo prossimo impegno in politica. Parlare ora delle sue scelte sarebbe, dice, una "sgrammaticatura" perche' "qui siamo alla Camera e io mantengo questo profilo istituzionale fino alla fine della legislatura. Ci tengo ad andare avanti fino all'approvazione della legge di Bilancio" ripete a Montecitorio, in occasione degli auguri di fine anno alla stampa parlamentare, anche se tutti danno per imminente la sua adesione a Liberi e Uguali. Di certo la lotta alle disuguaglianze sara' il suo impegno prioritario. "La parola chiave e' il lavoro", soprattutto quello per i giovani e quello per le donne. Perche' se ci sono positivi segnali di ripresa, la crescita "va tradotta anche nella vita delle persone, delle famiglie". In modo che "comincino a scendere la rabbia e il rancore che sono figli diretti del sentimento di esclusione diffuso nella nostra societa'" dove "l'ascensore sociale si e' bloccato" generando "rabbia nella societa'". E' la mancanza di lavoro, assicura, che "corrode la democrazia". Un pericolo in agguato come dimostrano anche gli ultimi fatti di cronaca che vedono un preoccupante rigurgito di pulsioni xenofobe e illiberali. "Gruppi neofascisti si stanno organizzando nel nostro paese e non si puo' rimanere a guardare. Lo fanno in maniera spudorata, lo fanno sulla rete. Ci sono pagine che inneggiano al nazifascismo. E questo e' intollerabile. Facebook non puo' essere una 'no man's land'" avverte la presidente della Camera che rivendica di essere stata tra i primi a denunciare la deriva disinformativa e spesso violenta che corre sul web. "In anticipo su tutti" ha affrontato questo aspetto "centrale per l'assetto democratico". Boldrini ricorda anche di essere stata una delle prime vittime di campagne violente e fake news: "Ho subito attacchi pesanti, quasi sempre volgari e violenti". E promette: "Io non lo accettero' mai e rivendico il diritto di essere corretta. Non mi prestero' mai alla politica che ringhia, che insulta, che minaccia. Io continuero' nella mia attivita' politica a non accettare queste provocazioni". L'antifascismo, cosi' come la sua incessante battaglia a favore delle donne e quella per gli Stati Uniti d'Europa, e' un'altra delle pratiche che da Presidente della Camera non ha dimenticato: "Quel giorno, quei partigiani e quelle partigiane qui non erano ospiti, ma padrone e padroni di casa" ha detto ricordando il settantesimo anniversario della Liberazione, festeggiato con il Presidente del Senato Pietro Grasso. Il quale, commentando proprio la possibile adesione della terza carica dello Stato a Liberi e Uguali, si rallegra: "Mi fa piacere, qualche donna arriva. Siamo in fase costituente..". (ANSA). Francesca Chiri


Archivio primo piano