chi siamo link contatti
Associazione Stampa Parlamentare
Giovedì 21 Luglio 2016

IL PRESIDENTE GRASSO: "IL VOTO SULLA RIFORMA DELLA CARTA NON SARA' IL GIUDIZIO UNIVERSALE"

                                         VENTAGLIO DELL'ASP AL PRESIDENTE DEL SENATO PIETRO GRASSO.

 

 

              "Negli ultimi mesi vi e' stata una forte polarizzazione intorno al referendum, che rischia a questo punto di celebrarsi in un clima troppo conflittuale ed emotivo". Lo ha affermato il presidente del Senato Pietro Grasso, durante la cerimonia del Ventaglio rispondendo alle domande del presidente dell’Associazione stampa parlamentare, Sergio Amici.    

 

              Avverte Grasso: "L'esperienza della Brexit insegna che spaventare gli elettori, prefigurando conseguenze catastrofiche, non fa ottenere i risultati sperati. La rappresentazione del prossimo referendum come il giudizio universale e' inopportuna, irrealistica e fuorviante, tanto quando si vuole dimostrare che questa riforma sara' la panacea di tutti i mali, cosi' come quando si prospetta la fine della democrazia se la riforma non verra' approvata o la catastrofe se verra' respinta". Per Grasso "compito della politica e dell'informazione e' garantire la qualita' dei meccanismi democratici. Pur non essendo stata fissata la data del voto, si deve prendere atto che la campagna referendaria e' gia' da tempo entrata nel vivo, ed e' necessario assicurare che i mezzi di comunicazione diano spazio adeguato ed equilibrato a tutte le ragioni di merito in eguale misura". (Anb/ Dire) "Il referendum costituzionale sulla riforma del bicameralismo paritario e' parte di un procedimento formalmente disciplinato dalla nostra Costituzione, proprio a garanzia della rigidita' della carta e della sua revisione. A prescindere dal risultato finale, credo sia necessario soffermarsi sul clima in cui il Paese arrivera' a questo importante momento. Sono convinto che questi mesi saranno un formidabile banco di prova per la qualita' della nostra democrazia".(ANSA). IRA-BSA

 

Secondo il presidente Grasso, "il Senato disegnato dalla riforma costituzionale e' concepito come lo snodo centrale del regionalismo italiano. Perche' questo si realizzi e' pero' necessario che il Parlamento, in caso di esito favorevole del referendum confermativo, si faccia carico entro la fine della legislatura dell'attuazione di alcune previsioni fondamentali della riforma, destinate ad incidere sostanzialmente sul ruolo del futuro Senato. "Le modalita' di elezione dei futuri senatori - prosegue - hanno infiammato il dibattito per lunghe settimane esattamente un anno fa. Sul tema sono stati gia' presentati disegni di legge, che dovranno essere assegnati alla competente Commissione all'indomani di una vittoria del Si. Altrettanto rapidamente ci si dovra' occupare dei regolamenti parlamentari, in particolare della configurazione dei gruppi, che incideranno sostanzialmente sull'effettiva vocazione territoriale della nuova Camera alta". (ANSA). IRA-BSA

 

            Grasso ha anche voluto precisare che "su molti disegni di legge si lamenta un ritardo indiscutibile, che pero' non va imputato esclusivamente al sistema bicamerale: nella maggior parte dei casi a rallentare l'iter legislativo e' la mancanza degli accordi politici necessari per poter approvare le leggi".(ANSA). IRA-BSA

 

           Ha continuato il presidente del Senato: "Esattamente come un anno fa anche in questa edizione del 'Ventaglio' ci troviamo ad affrontare i temi della prescrizione e delle intercettazioni, negli stessi termini e senza novità legislative, purtroppo. E' un dato di fatto che se ne parli da moltissimi anni senza arrivare a decisioni definitive, andando molto oltre la ragionevole durata, in questo caso, del procedimento legislativo. Non ho cambiato idea sulla necessità e urgenza di questi interventi: la prescrizione, una volta iniziato l'iter processuale, lascia senza verità tanto le vittime quanto gli accusati".. (Vam/AdnKronos)."Anche sulla diffamazione rischio di ripetermi: la mia posizione fortemente contraria alla pena detentiva per i giornalisti e' nota, ed ho piu' volte sostenuto la necessita' di prevedere una sanzione pecuniaria proporzionale alle richieste di risarcimento infondate in caso di querele temerarie, spesso usate come forma di ricatto nei confronti di piccole testate e di giovani giornalisti non adeguatamente garantiti. Ne' puo' essere trascurato il tema delle troppe violenze e intimidazioni nei confronti dei giornalisti (ANSA). IRA-BSA

 

        "Riguardo alle intercettazioni, mezzo di indagine indispensabile, gia' l'anno scorso mettevo in risalto che, per conciliare i principi di segretezza delle indagini, riservatezza della vita privata e diritto all'informazione, esistono gia' norme che spesso non vengono rispettate, e mi appellavo alla deontologia di tutti coloro, magistrati, personale amministrativo, polizia giudiziaria, avvocati, giornalisti, che vengono a conoscenza del contenuto delle intercettazioni. Ho rilevato positivamente che molte procure hanno gia' dato indicazioni stringenti in questo senso, che dovranno essere prese in considerazione dal legislatore nella redazione delle norme". (Anb/ Dire), ha concluso Grasso.

 

         "Ho gia' avuto modo di ripetere che e' sbagliato accostare terrorismo e migrazioni e mi sembra che i fatti recenti lo dimostrino perche' nessuno dei terroristi che ha colpito l'Europa vi era giunto seguendo le rotte migratorie: erano tutti cittadini europei . Sulle migrazioni il governo sta agendo bene. Da una parte, assicurando il soccorso in mare e l'accoglienza con una professionalita', un'umanita' e una competenza che ho potuto osservare personalmente in una recente visita a Lampedusa. Dall'altra parte, stimolando le istituzioni europee ad agire per rivedere le regole di Dublino all'insegna di solidarieta' ed efficienza e per sostenere in modo diretto lo sviluppo dei Paesi africani da cui si originano molti dei flussi". (Anb/ Dire)

 

           Grasso ha infine parlato anche della situazione che si è creata in Turchia in questi ultimi giorni: "Arresti e procedimenti penali contro gli asseriti eversori si devono svolgere rigorosamente secondo le regole della legge e dei principi internazionali e nel pieno rispetto del diritto di difesa. Le prerogative di indipendenza della magistratura devono essere rispettate perche' le rimozioni e gli arresti ingiustificati di giudici ledono la democrazia e i diritti dei cittadini. Preoccupano molto le massicce epurazioni che stanno colpendo anche il mondo della scuola, delle universita' e dell'informazione. Sulla pena di morte, sui diritti e le liberta' fondamentali, sul diritto di difesa qualsiasi passo indietro e' contro la storia".(ANSA). IRA-BSA

 

 

    (Leggi il testo integrale dell’intervento del presidente Grasso negli allegati ,e anche il testo del presidente Asp Amici).

 

     Il Ventaglio donato quest’anno al presidente Grasso è opera di Cristina Bortune, studentessa dell’Accademia di Belle arti di Lecce, una delle tre vincitrici del concorso promosso per l’undicesimo anno tra tutti gli istituti d’arte italiani con l’Accademia di Belle arti di Roma, qui rappresentata dal presidente, Mario Alì, e dalla direttrice, Tiziana D’Acchille. Attraverso il ricamo, che permette di avvicinare le radici della cultura popolare per proiettarsi verso la creatività del contemporaneo, l’autrice, con la tecnica del punto spugna, lega in un nuovo ordito le regioni del nostro Paese, offrendoci l’idea di un’’Italia che vorrei’. Viene spontaneo leggere nel disegno la rappresentazione di un nuovo regionalismo, destinato a trovare il suo filo unitario proprio nel Senato della Repubblica.

 

Nella foto in prima pagina: Il presidente Grasso e Amici mostrano il Ventaglio 2016, opera di Cristina Bortune.

 

Roma 21 luglio 2016

 

 

Nelle immagini della pagina:

Il presidente Grasso durante il suo intervento davanti alla stampa parlamentare;

 

Il presidente del Senato insieme al presidente Asp Sergio Amici davanti al Ventaglio, insieme all'artista che ha realizzato l'opera, Cristina Bortune