chi siamo link contatti
Associazione Stampa Parlamentare
Mercoledì 13 Giugno 2018

INSEDIATO IL COLLEGIO DI GARANZIA E FORMAZIONE CULTURALE

Il Collegio di garanzia e promozione culturale dell’Associazione Stampa Parlamentare si è insediato oggi, assente giustificato il collega Alessandro Cavaglià. Dopo un saluto del neo eletto Presidente dell’Asp, Marco Di Fonzo, al quale tutto il Collegio ha rivolto le congratulazioni e i migliori auguri di buon lavoro, si è proceduto all’elezione del presidente: unanime la designazione del collega Giorgio Frasca Polara.

Nel riprendere una informazione del Presidente Di Fonzo, Frasca Polara ha richiamato i colleghi sulla importanza, sul piano del giornalismo politico-parlamentare, della prima importante scadenza di lavoro che impegnerà anche e soprattutto il Collegio: la celebrazione, prima della fine d’anno, del 100° anniversario della fondazione dell’Associazione dei giornalisti parlamentari. Sarà questo – in parallelo con la distinta ma altrettanto significativa celebrazione dei cento anni della nuova Aula della Camera – un momento significativo di riflessione non solo sulla storia del giornalismo parlamentare ma anche e soprattutto sulle prospettive del giornalismo politico in Italia. Il Collegio, forte del suo titolo relativo alla promozione culturale, studierà e proporrà, d’intesa con il Consiglio direttivo dell’Asp, alcune iniziative di alto livello.

Il Collegio ha inoltre segnalato agli altri organi direttivi dell’Asp una sin qui inavvertita incongruenza nella formulazione del nuovo Statuto: ci si riferisce alla norma che esclude i soci anziani dal diritto-dovere di eleggere presidente e vicepresidente dell’Associazione. Si tratta di una contraddizione evidente, a giudizio dei componenti del Collegio: esso non può contribuire alla legittimazione dell’organismo più significativo della propria Associazione.

In apertura di seduta il presidente Di Fonzo e l’intero Collegio avevano espresso piena solidarietà al collega Francesco Palladino, colpito alcuni mesi fa da una grave malattia che gli ha reso impossibile il proseguimento dell’attività in seno agli organi dell’Asp. A Palladino sono stati rivolti gli auguri più affettuosi.